Sospensione rate mutuo “Piano Famiglie”: termine ultimo 31 luglio 2012

Scritto il alle 10:54 da [email protected]

Il 31 luglio di quest’anno scadrà il termine ultimo per la presentazione delle domande per la sospensione delle rate del mutuo secondo l’accordo sottoscritto dalle principali Associazioni dei Consumatori insieme ad ABI in data 18 dicembre 2009. L’accordo rientra nell’iniziativa promossa dall’Associazione Bancaria Italiana (ABI) denominata Piano Famiglie e prevede la possibilità di richiedere la sospensione delle rata del mutuo per almeno 12 mesi, senza l’applicazione di interessi di mora, spesa di istruttoria, commissioni o richiesta di garanzie aggiuntive.

 

AMBITO DI APPLICAZIONE DELL’INTERVENTO

Chiaramente per poter usufruire della sospensione bisogna soddisfare alcuni requisiti:

– il reddito imponibile per ogni mutuatario non deve essere superiore ai 40.000 euro annui;

– l’importo originario del mutuo deve essere inferiore ai 150.000 euro e deve essere stato erogato per l’acquisto, la costruzione o la ristrutturazione dell’abitazione principale (ricordo che per abitazione principale si intende quella in cui il possessore risiede e dimora abitualmente);

la durata originaria del mutuo deve essere superiore ai 5 anni.

La sospensione si può applicare a qualsiasi tipologia di mutuo (fisso, variabile, misto), sono compresi i mutui rinegoziati, accollati o cartolarizzati. anche nel caso in cui ci sia già un ritardo nei pagamenti  delle rate purché non sia superiore a 180 giorni consecutivi alla data di presentazione della richiesta di sospensione e che il mancato pagamento delle rate sia dovuto ad uno degli eventi che da’ diritto alla sospensione.

Sono invece esclusi i mutui con ritardo nei pagamenti superiore ai 180 giorni consecutivi, quelli che usufruiscono di agevolazioni pubbliche (agevolazioni in conto interessi o capitale), i mutui variabili a rata costante, e tutti i mutui per i quali sia stata sottoscritta un’assicurazione che copre gli stessi eventi previsti dalla sospensione stessa purché tale assicurazione copra almeno gli importi delle rate oggetto della sospensione.

 

EVENTI CHE DANNO DIRITTO ALLA RICHIESTA DI SOSPENSIONE

– Cessazione del rapporto di lavoro subordinato, ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di risoluzione  per limiti di età con diritto a pensione di  vecchiaia/anzianità, di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, di dimissioni del lavoratore non per giusta causa.

– Cessazione dei rapporti di lavoro di cui all’art. 409, n. 3, c.p.c., (rapporti di agenzia, di rappresentanza commerciale ed altri rapporti di collaborazione che si concretino in una prestazione di opera continuativa e coordinata, prevalentemente personale, anche se non a carattere subordinato) ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di recesso datoriale per giusta causa, di recesso del lavoratore non per giusta causa.

– Morte o insorgenza di condizioni di non autosufficienza.

– Sospensione dal lavoro o riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni, anche in attesa dell’emanazione  dei provvedimenti di autorizzazione dei trattamenti di sostegno del reddito (CIG; CIGS; altre misure di sostegno del reddito, c.d. ammortizzatori sociali in deroga; contratti di solidarietà)

Per poter richiedere la sospensione delle rate gli eventi si devono verificare entro il 30 giugno 2012 ad almeno uno degli intestatari del mutuo.

 

I DUE DIVERSI METODI DI SOSPENSIONE

La sospensione può essere richiesta una sola volta e può riguardare la rata complessiva o solo la quota capitale (sospensione totale o parziale), nel caso di sospensione della sola quota capitale la quota interessi verrà rimborsata normalmente alle scadenze originarie, nel caso di sospensione della rata complessiva gli interessi maturati nel periodo di sospensione verranno rimborsati con pagamenti periodici, per una durata che sarà definita dalla banca in accordo con il mutuatario, a partire dalla ripresa dell’ammortamento al termine della sospensione.

E’ importante precisare infatti che alcune banche lasciano al cliente la facoltà di decidere quale delle due modalità di sospensione si preferisce adottare, altre banche adottano invece una delle due modalità a prescindere dalle effettive esigenze del cliente.

Le condizioni, come specificato nel documento tecnico dell’ ABI, possono essere migliorate dalle banche aderenti all’iniziativa, purtroppo però abbiamo constatato che a volte vengono peggiorate, ma trattandosi di un’ accordo e non di un decreto o di una legge non si può fare altro che prenderne atto e decidere se accettare o rifiutare le condizioni proposte,

BANCHE ADERENTI E RELATIVE CONDIZIONI OFFERTE  ALLA CLIENTELA ALLA DATA DEL 13 aprile 2012

 

CALCOLO DELLA SOSPENSIONE SULLA RATA

al mutuo si possono calcolare utilizzando l’apposito simulatore messo a disposizione dall’ ABI e che potete trovare qui.

Chiaramente la sospensione provoca un allungamento del mutuo pari alla durata della sospensione stessa, però il mutuatario può richiedere il riavvio dell’ammortamento in qualsiasi momento.

Per inoltrare la richiesta di sospensione bisogna recarsi nella propria filiale e compilare l’apposito modulo al quale andranno allegati gli eventuali documenti attestanti il verificarsi di uno degli eventi.

Ricordo infine che per la sospensione delle rate del mutuo esiste anche il Fondo di solidarietà per i mutui per l’acquisto della prima casa” del quale parleremo nel prossimo articolo e che come metodo è forse da preferire perché una parte degli interessi viene assorbita dal fondo stesso.

 

[email protected]

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 6.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Sospensione rate mutuo “Piano Famiglie”: termine ultimo 31 luglio 2012, 6.0 out of 10 based on 2 ratings
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Apertura sotto la parità con volatilità ridotta per il Ftse Mib nell'ultima seduta della settima
Questo post era già pronto da un paio di giorni e ma come spesso accade di questi tempi davve
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Ultimo giorno di versione integrale dei grafici da non perdere. Avvicinandomi ai mercati finanzia
Piazza Affari consolida i rialzi e scambia ancora in trading range. L'indice FTSE Mib veleggia fra i
Il confronto avviato lo scorso anno fra i sindacati ed il governo sulle pensioni, ha permesso di giu
Era assolutamente scontato un “nulla di fatto” sui tassi di interesse, al FOMC chiusosi ieri
                Iniziamo da qui.