Cerca nel Blog

Mutui Hello Bank!.. niente di nuovo sul fronte del credito

 

Nasce Hello Bank!.. una pallottola spuntata

BNP Paribas ha lanciato anche in Italia Hello bank!, la banca 100% digitale che già opera da qualche mese in Francia, Belgio e Germania e che da pochissimi giorni si materializza con le proprie offerte di mutuo anche nei vari motori di ricerca online.

Chi sperava di assistere ad un rilancio della qualità del credito nei mutui si deve ricredere; neanche il decollo di una nuova banca online scalfisce l’aspra durezza del mercato dei mutui ormai asfittico e privo di ogni minima traccia di concorrenza bancaria. Abbiamo infatti analizzato la convenienza dei prodotti mutuo di questa nuova banca così come compaiono nelle schede mutuo e fogli informativi dei specifici prodotti offerti e le impressioni che abbiamo avuto non sono così soddisfacenti come ci aspettavamo da una banca online.

Anche questo episodio bancario è da annotare nella lunga lista delle azioni prive di coraggio che caratterizzano ogni gesto bancario che si sia registrato in questi ultimi anni; l’iniziativa Hello Bank! di BNL, almeno per il prodotto mutui, appare dettata essenzialmente dalla necessità di abbattere i costi di intermediazione delle filiali che caratterizzano le banche online rispetto a quelle tradizionali. Anche per questa “novità” bancaria, l’odore della paura di fare credito che si capta è forte e nauseabondo; niente di nuovo sul fronte del credito.

Guardando al sodo, le condizioni contrattuali di ogni tipo di prodotto mutuo non si differenziano per nulla da quelle offerte da la banca di riferimento BNL a cui questa banca fa capo se non per le spese di istruttoria gratuite; per il resto la banca applica stessi tassi e spread che fanno dei propri mutui dei prodotti-fotocopia di BNL. Come anche per BNL, questa banca indicizza i propri mutui a tasso variabile su euribor 1 mese con spread del 2,75% a prescindere da ogni importo e durata. Per quanto riguarda invece le proposte per i mutui a tasso fisso, la banca determina dei tassi finiti dipendentemente dalla durata del finanziamento richiesta con gli stessi tassi proposti da casa madre.

Le buone parole spese che infiocchettavano la scintillante campagna di lancio facevano presagire uno spunto in più rispetto al mercato, ci aspettavamo prodotti mutuo almeno poco più convenienti rispetto alla banca di riferimento e non altro per il fatto che una banca online, per tradizione ha la capacità di offrire prodotti ad un costo certamente inferiore.

Confidiamo che questa banca prima o poi si distingua dalla propria banca di riferimeno BNL per mutui ancor più vantaggiosi visto che, come per ogni banca online, la gestione del credito tramite internet permette di abbattere i costi del personale e delle filiali, un risparmio che per ora si materializza alla clientela con il solo azzeramento delle spese di istruttoria.

Per adesso le offerte mutuo Hello Bank! ci appaiono fortemente conservatrici e senza nessuna velleità di competere con vigore nel mercato dei mutui. Il fatto che i mutui (spread e tassi) di Hello Bank! siano a tutti gli effetti delle fotocopie di quelli BNL risulta quasi inspiegabile; la clientela si aspetta al più presto certamente un cambio di marcia. Nel clima di totale blocco del credito che non accenna ad allentarsi, personalmente, più che credere in ribasso della qualità del credito di Hello Bank! mi aspetterei con maggior convinzione un inasprimento di quella di BNL. Ma il mio pensiero, ci mancherebbe, potrebbe essere del semplice gratuito pessimismo.. speriamo.

[email protected]

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.2/10 (5 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Mutui Hello Bank!.. niente di nuovo sul fronte del credito, 8.2 out of 10 based on 5 ratings
7 commenti Commenta
kry
Scritto il 2 gennaio 2014 at 11:36

” Ma il mio pensiero, ci mancherebbe, potrebbe essere del semplice gratuito pessimismo.. speriamo.” Intanto facciamoci gli auguri di buona continuazione, che ancora sono gratuiti come le vostre informazioni. Semplicemente GRAZIE.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pseudonico
Scritto il 2 gennaio 2014 at 12:22

Buongiorno,
grazie per l’articolo.
Secondo lei il tasso fisso per la surroga al 5,30% per 25 anni non è competitivo?
Io non ne trovo di più bassi…

Saluti
Davide

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

tanduri
Scritto il 2 gennaio 2014 at 14:24

Buongiorno,
grazie per l’articolo.
Secondo lei il tasso fisso per la surroga al 5,30% per 25 anni non è competitivo?
Io non ne trovo di più bassi…

Saluti
Davide

per la surroga, il prodotto mutuo di Hello Bank è proprio la fedele fotocopia di BNL dove per legge la surroga è a costo zero e quindi, anche per BNL, senza spese di istruttoria e notaio.

L’articolo vuole mettere l’accento sul fatto che BNL non ha fatto altro che clonarsi in una nuova banca online dove i risparmi di gestione fisica della filiale, assenti per Hello Bank, vengono interamente intascati da casa madre e non distribuiti, neanche in parte, alla clientela, sotto forma di mutui più convenienti (minori spread)… nonostante la clientela venga menomata da un servizio di assistenza fisica come compete invece alle filiali BNL.

l’esempio del lancio di quesa banca è la prova della mancanza di coraggio e necessità di fare credito ma di fare essenzialemente risparmio.

per quanto riguarda la sua specifica domanda, bisogna ammettere che i mutui BNL-Hello Bank, per i mutui a tasso fisso, sono effettivamente la miglior opzione attualmente captabile sul mercato, mentre per i variabile non è la stessa cosa…
ma non sarebbe una esigenza campata in aria che Hello Bank riducesse i tassi proposti di qualche punto percentuale, cosa oggiogiorno innecessaria per la banca, visto che la domanda è molto più alta dell’offerta che la banca è disposta ad erogare e.. il mercato è privo di ogni stimolo concorrenziale da tempo.

proceda con la surroga su HelloBank ma faccia attenzione alle esose polizze assicurative a protezione del credito (Cardif-Serenity) a cui la obbligherà la banca pena la mancata erogazione del mutuo.
Inoltre Hello Bank, come BNL, potrebbe inserirle la clausola di inasprimento spread in caso di recesso della polizza collegata, condizione che se applicata le aumenterebbe il tasso applicato come accaduto ad altri mutuandi prima di lei (non abbiamo finora testimonianze di conferma che tale clausola venga inserita anche nei contratti di mutui a tasso fisso)… BNL è una delle pochissime banche che inserisce tale clausola (al limite del vessatorio) nei contratti di mutuo.

ci scriva per qualsiasi dubbio e supporto
[email protected]

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 5.0/5 (2 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

pseudonico
Scritto il 3 gennaio 2014 at 10:08

Buongiorno,
grazie per la risposta. Approfitto della sua gentilezza per chiederle un consiglio. Ho acceso da un anno un mutuo per circa €110.000 con uno spread al 2,5% e un floor all’1% con annessa polizza zurich.
Dato che penso che i tassi resteranno bassi ancora per 4-5 anni vorrei cambiare mutuo ma non so se passare ad un variabile con CAP, fisso o rimanere su un variabile puro come adesso.
Lei cosa mi consiglia?
È vero che si può surrogare solo se non si cambia tipologia di mutuo (variabile, fisso, CAP)?
La polizza segue il mutuo?
Scusi per il bombardamento di domande…

Grazie
Davide

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

tanduri
Scritto il 3 gennaio 2014 at 11:48

buongiorno Davide..
è un piacere.

– Per immaginare un qualcosa di meglio che il mercato potrebbe metterle a disposizione per una surroga è per me imprescindibile conoscere il valore attuale di mercato dell’immobile oggetto della garanzia ipotecaria, mi faccia sapere… anche se credo di poterle anticipare che sarà difficile trovare un mutuo migliore de suo dove l’unica evidente pecca da poter cercare di rottamare è il floor di contratto.

– Nel rispetto della sua previsione sul futuro dei tassi, io al suo posto, eventualmente, non surrogherei altro mutuo se non un variabile puro senza CAP, tantomeno un fisso, entrambi più “cari” e nel caso, a tempo debito surrogare un variabile con spread più basso o un fisso che non farebbe fatica a trovare allo stesso tasso di quelli attualmente offerti o poco più.
Le ricordo che il miglior modo di rendere meno costoso un finanziamento è estinguerlo ogni qualvolta il tasso sia elevato e se ne abbia la possibilità. Se lei ogni tanto effettuasse dei versamenti in conto capitale, il tasso effettivo di ammortamento si riduce sostanzialmente abbattendo ilmontante totale degli interessi corrisposti a fine ammortamento (costo del mutuo). Glielo dico perchè se lei nutre la tentazione di passare ad un mutuo a tasso fisso, certamente avrà immaginato e messo in conto importi rata più alti da poter e dover affrontare. Se lei invece di surrogare a fisso e passare a rate effettivamente più alte, rimanesse a variabile e in questi anni di tassi rasoterra accumulasse risparmi “facendo finta” di pagare rate più elevate e ci effettuasse dei versamente ogni tot risparmio, lei ne uscirebbe con grosse probabilità di aver fatto la scelta giusta; diverse estinzioni fatte coi risparmi (potenziale rata fisso) – (rata effettiva variabile) le ridurrebbero drasticamente il costo finale del mutuo ammettendo anche d poter surrogare un fisso alto in futuro senza troppe “perdite”.
Restituire soldi anticipatamente su un finanziamento di lunga durata è la miglior forma di risparmio per il cliente e di mancato guadagno per la banca; la prova è che fino al 2007 le banche facevano pagare le famose “penali di estinzione anticipata” abolite poi dal Bersani.
sto divagando..

– Nel caso surrogasse, ora o in futuro, la sua polizza le sarebbe rimborsata per la sola partedi premionon goduto o, in alternativa e su sua esplicita richiesta, potrebbe rimanere attiva per il
resto dell’ammortamento.

– Non è vero quello che ha sentito dire sulla surroga. Per surrogare, l’unico elemento che deve essere rispettato nei confronti del mutuo in essere è il debito residuo propro perchè, a livello leslativo la surroga è una “presa in carico” di una nuova banca del debito che il cliente ha con un’altra; in sintesi non si può aggiungere liquidità extra al nuovo mutuo.

mi faccia ancora altre domande..
il suo non era poi un così tanto bombardamento.

saluti

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 4.7/5 (3 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +3 (from 3 votes)

tanduri
Scritto il 3 gennaio 2014 at 11:51

” Ma il mio pensiero, ci mancherebbe, potrebbe essere del semplice gratuito pessimismo.. speriamo.” Intanto facciamoci gli auguri di buona continuazione, che ancora sono gratuiti come le vostre informazioni. Semplicemente GRAZIE.

grazie degli auguri Kry.
vediamo di avere ancora la forza di fare informazione.
buon anno a te.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pseudonico
Scritto il 10 febbraio 2014 at 09:21

Buongiorno,
grazie per tutte le sue cortesi risposte.

– […] per me imprescindibile conoscere il valore attuale di mercato dell’immobile oggetto della garanzia ipotecaria
Il valore del mio immobile si aggira intorno ai €190.000 con un capitale residuo di 110.000.

Davvero furba l’idea dei versamenti in conto capitale anche se presuppone un oculatezza nella gestione che non credo di possedere… ma ci proverò.
I versamenti in conto capitale devono avere una particolare dicitura? come si effettuano?
Uno dei motivi del cambio mutuo è la polizza zurich molto esosa che fa spostare il taeg fino al 5%

Grazie ancora
Davide

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Articoli dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Stop al canone e all'influenza della politica sull'informazione televisiva. Sono alcune delle propos
Nonostante sul breve periodo la debolezza sui principali indici azionari si stia facendo sentire, il
Ieri il ministro Padoan, ha preso carta e penna e indignato ha scritto  al Foglio... Padoan:
Spunto moderatamente ribassista per il mercato italiano. L'indice FTSE Mib ha generato un segnale op
Come sapete, nel fine settimana, con il  decreto legge approvato dal Consiglio dei Ministri, Veneto
Com’era prevedibile, dopo la pubblicazione del decreto attuativo delle riforme pensionistiche vara
I saldi estivi 2017 stanno per prendere il via. La data ufficiale d'inizio, la stessa in tutte le re