Mutui: la lunga agonia del fondo casa giovani coppie “Diamogli Futuro”.

Scritto il alle 08:30 da [email protected]

Continua la lenta agonia del fondo casa per le giovani coppie in attesa di un promesso e mai visto “futuro”..

Saltuariamente passo a far visita a questo “paziente” pensando ogni volta di trovarlo morto, invece l’accanimento terapeutico messo in atto nei suoi confronti continua indecentemente a tenerlo in vita nonostante parametri vitali sempre molto deboli. Il paziente è immobile con elettroencefalogramma piatto, praticamente morto. Alle famiglie in difficoltà economica e sociale era stata promessa una terapia shock che le avrebbe risollevate dalla estrema difficoltà di ottenere un mutuo per l’acquisto di una casa; tante belle parole da parte dei dottori a cui non è seguita nessun tipo di trattamento e nessuna medicina.

Il “Fondo per l’accesso al credito per l’acquisto della prima casa da parte delle giovani coppie coniugate o dei nuclei familiari anche monogenitoriali con figli minori“, nonostante il lunghissimo nome che lascia ben sperare ha lasciato agonizzare migliaia di famiglie in difficoltà che oggi non possono non sentirsi prese in giro.

Ma riepiloghiamo la storia di questo aborto normativo.

Correva l’anno 2008, il giorno 25 giugno veniva decisa la nascita del fondo con il decreto legge n° 112, lo stanziamento per il 2008 era di 4 milioni di euro disponibili presso il ministero della gioventù a partire dal 1° settembre dello stesso anno, altri 10 per il 2009 ed altrettanti per il 2010.

Dopo una lunga gestazione durata 28 mesi (più lunga di quella dell’elefante asiatico) con decreto n° 256 del 17 dicembre 2010 nasceva il tanto atteso “Regolamento recante la disciplina del Fondo per l’accesso al credito per l’acquisto della prima casa da parte delle giovani coppie o dei nuclei familiari monogenitoriali”, con entrata in vigore prevista per il 18 febbraio dell’anno successivo.

Non voglio dilungarmi sulla spiegazione del regolamento, più curiosi possono trovare le caratteristiche e i nostri commenti alla prima vesione del fondo in questi articoli:

Mutui prima casa agevolati per giovani coppie.

Mutui ai giovani: dov’è finito il diritto al futuro??

Il fondo mutui per la casa? Un fallimento!! Per il rilancio sono previste modifiche al regolamento.

Fondo accesso al credito: intervista all’On. Marianna Madia.

Per farla breve, il primo regolamento prevedeva delle condizioni talmente favorevoli ai mutuatari che praticamente nessuna banca, pur avendo aderito, erogava i mutui garantiti dal fondo; chiaramente nessuno aveva pensato di obbligare le banche aderenti ad erogare i mutui, con il risultato che le banche come al solito facevano bella figura con la partecipazione passiva a quella che poteva invece essere una lodevole iniziativa.

Ci sono voluti altri 2 anni perchè il governo si accorgesse che la quasi totalità dei fondi stanziati erano rimasti inutilizzati e decidesse di intervenire ed un altro anno per riuscire a formulare un nuovo regolamento, forse peggiore del primo, pubblicato il 28 novembre 2013.

L’abbiamo commentato qui:«Fondo casa» per le giovani coppie, nuovo regolamento, nuove agevolazioni… per le banche!

Siamo arrivati ad oggi e sul sito dedicato al fondo possiamo trovare il link con l’elenco delle banche aderenti composto essenzialmente da una serie di piccole banche locali del gruppo Credito cooperativo, Cassa di risparmio di Cesena e dove, a parte il Monte dei Paschi di Siena, non esiste traccia di grossi gruppi Bancari. I pochi fogli informativi riguardanti il prodotto non riportano condizioni particolarmente vantaggiose e comunque dubito fortemente che nello stato attuale delle cose questi mutui vengano realmente erogati.

Per quanto riguarda il Monte dei Paschi di Siena infatti, sono sicuro che questo mutuo non viene erogato pur essendo presente sul loro sito il foglio informativo aggiornato al 13 maggio 2014 hanno addirittura aggiornato la parte relativa ai parametri dei richiedenti con gli aggiornamenti 2014 ma i parametri relativi agli spread applicati sono rimasti quelli del primo regolamento, cosa che rende impossibile l’erogazione del mutuo da parte della banca.

Questa iniziativa governativa, come altre (vedi i mutui “Plafond Casa”) è l’ennesimo esempio di incapacità legislativa dei politici italiani in questo delicato settore. Forse sarebbe meglio utilizzare i fondi stanziati per il fondo casa e per il Plafond Casa per altri scopi, ad esempio per pagare in parte i debiti dello stato verso le aziende private che promuoverebbe un modo più efficace per tentare di rilanciare l’economia.

Come ultima cosa vorrei ricordare che dal 2014 l’accesso al fondo è consentito anche ai giovani di età inferiore a 35 anni titolari di un rapporto di lavoro atipico, ma si sa….nelle favole anche gli asini possono volare!

Roberto

[email protected]

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Mutui: la lunga agonia del fondo casa giovani coppie "Diamogli Futuro"., 10.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Come già detto ieri lasciamo da parte la fantasia e concentriamoci su quello che farà la giuri
FTSE Mib: Il listino italiano testa in apertura la resistenza a 22.261 punti. Ieri infatti, dopo 9
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Prelievi senza carta, pagamenti tramite app e bonifici istantanei. Sono solo alcune delle evoluzioni
Malgrado la sua giovane età, il BitCoin si è già reso protagonista di diverse avventure. È p
PREVISIONE Come da previsione scorsa tra venerdì e oggi, lunedì 20 Novembre 2017, sar
Piazza Affari. Inizio di settimana difficile per l’indice FTSE Mib, che dopo poco più di un’o
Guest post: Trading Room #265. Settimana difficile per la borsa italiana che però non va ancora a