Mercato immobiliare e mutui: notizie dal fronte delle agenzie

Scritto il alle 10:32 da [email protected]

xe2

Nel primo trimestre del 2016 appena trascorso il quadro del mercato immobiliare rimane nell’aspettativa di una ripresa che si è incominciata a delinerare già nel corso del primo trimestre del 2015. Secondo l’ultimo Sondaggio Congiunturale sul Mercato delle Abitazioni pubblicato da Bankitalia il 20 maggio scorso, la percentuale di operatori che hanno venduto almeno un’abitazione è cresciuta, in connessione con le più favorevoli condizioni della domanda. Il sondaggio analizza le risposte date dalle 1004 agenzie sparse in tutto il territorio nazionale interrogate attraverso un questionario trimestrale che analizza e tasta il polso della situazione a stretto contatto con il processo di compravendita. Le notizie dal fronte lasciano ben sperare.

bllld

Le condizioni della domanda si confermano positive: il saldo tra la quota di agenti che nel sondaggio riportano un aumento e quella di coloro che segnalano una diminuzione del numero dei potenziali acquirenti è salito a 18 punti percentuali. La percentuale di agenzie che riportano un aumento dei potenziali acquirenti (che hanno visitato almeno uno degli immobili intermediati dall’agenzia interrogata) è quasi raddoppiata dall’inizio del 2014 (32% del primo trimestre del 2016 contro il 17% del secondo trimestre del 2014) segno che qualcosa nel mercato si muove ma ancora troppo lentamente.

La quota di chi segnala un calo dei prezzi di vendita si è leggermente ridotta (dal 59% del primo trimestre 2015 al 45% di quest’ultimo trimestre) e, sulla base delle attese rilevate dall’indagine, continuerebbe a contrarsi anche nel secondo trimestre dell’anno. Si conferma l’ottimismo degli agenti sull’evoluzione a breve termine del proprio mercato locale e sulle prospettive del mercato nazionale nel prossimo biennio.

Rispetto allo stesso trimestre del 2015 risulta lievemente aumentata (dal 69 all’80%) la quota di operatori che dichiara di aver venduto almeno un immobile nell’ultimo trimestre analizzato rispetto al trimestre precedente dove in oltre due terzi dei casi si è trattato della vendita di abitazioni preesistenti mentre si riduce ulteriormente la percentuale di agenzie che riportano la vendita di case di nuova costruzione. La quota di acquisti finanziati con mutuo ipotecario è salita al 74% dal 65% dello stesso trimestre del 2015, così come il rapporto tra prestito e valore dell’immobile (al 69% dal 65%).

Diminuiscono gli incarichi a vendere. Nel secondo trimestre 2016 solo il 23% di agenzie riportano un aumento dei mandati contro il 34% di un anno fa. Secondo il giudizio degli operatori, le principali cause di cessazione dell’incarico rimangono legate al divario tra prezzi offerti e domandati: la quota di chi segnala proposte di acquisto a prezzi ritenuti troppo bassi per il venditore è salita al 61% (dal 58% dello scorso anno). Si è ridotta invece la quota di agenzie che riconduce la decadenza dell’incarico alle difficoltà degli acquirenti di reperire un mutuo, scesa al 25% dal 31% dello scorso anno.

MassimoD

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Mercato immobiliare e mutui: notizie dal fronte delle agenzie, 9.0 out of 10 based on 2 ratings
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Come di consueto aggiorniamo la previsione dell’indice Cinese, che sembra essere sempre più vicin
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Lo SP500 torna in area di forte ipercomprato ma non si vedono gradi correzioni all'orizzonte. Quin
Nulla di particolare, nessuna novità era già successo nel 2011 e all'inizio del 2016 con il ba
Indici europei orientati al rialzo in questa prima seduta della nuova settimana. Dal punto di vista
Mamma mia. A volte sono veramente sorpreso dalle illuminanti conclusioni dei report redatti dall
Ieri in Austria. il risultato è stato uno solo, inequivocabile. Il partito di Kurz ha do
Guest post: Trading Room #260. Il candlestick settimanale non ci regala grandi segnali operativi.